News & facebook

fb Header Tino tracanna

Appuntamenti

  • 21 – 24 Marzo : Bergamo Jazz Festival

    Tino Tracanna cura la rassegna “Scintille di Jazz 2019”
    Read More
  • 30 Marzo: Tino Tracanna e Francesco Saiu

    Al Paradosso di Chiari (BS) (Via XXVI Aprile, 10)
  • 11 Aprile : Tino Tracanna e Monday Orchestra

    Lachiarella (MI) (Sala consiliare della Rocca Viscontea) Piazza Risorgimento ore 21
  • 14 Aprile : Tino Tracanna ospite solista

    dell’orchestra nazionale per l’esecuzione di “Easter Oratorium” di Pino Iodice Sala Verdi del Conservatorio di Milano
  • 18 Aprile : Barricato Trio


    Tino Tracanna, sax
    Marco Micheli, contrabbasso
    Nicola Angelucci, batteria
    Bachelite cLab - Via Vertoiba, 3 Milano
  • 7 Giugno : WEST SIDE STORY6 giugno Prova aperta

    Una voce ed 11 strumenti
    per il capolavoro di Leonard Bernstein con:
    Area M Orchestra
    Inside Jazz Quartet
    Paola Folli (voce)

    ECO TEATRO Via Fezzan a Milano
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

facebook page

Double Cut

Drumset
Marzo 2017

Due generazioni di sassofonisti a confronto un incontro fra quello il veterano a Tino Tracanna e il giovane e Massimiliano Milesi favorito dalla comune frequentazione pur se con ruoli diversi del Dipartimento di jazz del Conservatorio di Milano. Dopo aver dato vita a un duo di sassofoni, Tracanna e Milesi hanno deciso di dotarsi di una ritmica creando un quartetto pianoless con il contrabbassista Giulio Corini e il batterista Filippo sala (a sua volta frequentatore del Conservatorio milanese). Nove tracce (cinque a firma Milesi, e tre a firma Tracanna più il canto alpino tradizionale “in sulle cime” per un album molto interessante, dagli accentuati effetti contrappuntistici (esaltati dalla assenza di uno strumento armonico) è che proietta la formazione verso il jazz d'avanguardia e la musica improvvisata contemporanea. In bella evidenza al giovane Filippo sala (tra l'altro un ex allievo di Marco Volpe), in particolare per il groove di “gufo”, l'assolo vecchia scuola su “Basic” è quello più open su “Alfred “ 

 

ALFREDO ROMEO